mercoledì 23 novembre 2011

Viaggi, la Sicilia nella top ten Lonely Planet

Il tramonto visto da Pollara - Isole Eolie
La Valle dei Templi - Agrigento
La Lonely Planet non ha dubbi. La Sicilia è tra le mete hot per il 2012. Sul sito si legge: "Prenditi almeno due settimane per apprezzare il richiamo eclettico della Sicilia. Sali sulle pendici di Stromboli per osservare i giochi pirotecnici del vulcano sullo sfondo nero della notte. Esplora le rovine della Magna Grecia ad Agrigento, Segesta e Selinunte. Lasciati coccolare dal sole su spiagge lambite da acque turchesi distribuite su tre coste (ionica, tirrena e mediterranea). Visita il museo anti-mafia a Corleone e assapora, gusta, centellina tutti i sapori che incontri".

Nella top ten di fine anno dedicata alle regioni del mondo da non perdere la più grande isola del Mediterraneo occupa la sesta posizione ed è in buona compagnia assieme alla Costa del Galles, la Ruta Maya, il Kenya Settentionale, l'Arunachal Pradesh, Hvar in Croazia, le Province Marittime del Canada, Queenstown e Southern Lakes in Nuova Zelanda, Borneo, e Poitou-Charentes in Francia che chiude la classifica.
Ma che cos'è che nel 2012 ha fatto diventare  la Sicilia, che per inciso è l'unica destinazione italiana citata nelle tre diverse top ten (nazioni, città, regioni), una meta must-go rispetto agli altri anni? La risposta sta scritta sul volume Best in Travel 2012, la Bibbia dei viaggiatori pubblicata proprio dalla Lonely Planet. "Visitatela ora - scrivono gli autori di Lonely Planet - perché una volta completato il ponte voluto da Berlusconi, un fiume di nuovi turisti si riverserà in tutta l'isola, trasformandola in un gigantesco ingorgo di Ferrari e Alfa Romeo". Gli operatori turistici - e i siciliani in generale - non storcerebbero il naso di fronte a questa prospettiva economica, che però al momento sembra alquanto lontana. Ottimisti questi redattori!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...